“Decalogo digitale” confronto tra Stefano Quintarelli e Nicola Canal

“Decalogo digitale” confronto tra Stefano Quintarelli e Nicola Canal

Lunedì 19 giugno, ore 20,30, Castello di Roncade – ingresso libero

Mettere a confronto Stefano Quintarelli e Nicola Canal è una sfida che comporterà rischi notevoli, ma il peso della responsabilità, lunedì 19 in Castello, ricadrà sul malcapitato moderatore, Mattia Perencin, assessore alla cultura di Farra di Soligo.
Del resto, Perencin è ormai uso a seguire le imprese di Canal, divenuto protagonista di video virali nei quali è fiero di esibire l’accento natio (è venuto alla luce a Valdobbiadene) mentre dissacra a furia di domande apparentemente fuori luogo qualche istituzione, qualche centralinista o malcapitato famoso o qualche artista del momento (celebre il suo rifacimento della passerella di Christo), complici due nipoti con un futuro cinematografico piuttosto promettente.
Quintarelli bilancerà la serata con la sua loquela precisa e sagace. Deputato dal 2013, uomo di scienza, informatico, uno dei 30 migliori imprenditori italiani in ambito digitale e tra i pionieri dell’introduzione commerciale di Internet in Italia, è stato nominato nel 2014 presidente del Comitato di Indirizzo dell’Agenzia per l’Italia digitale dal Consiglio dei Ministri.
Introdurrà il pubblico al suo libro “Costruire il domani” (edito dal Sole24Ore e giunto alla seconda edizione), con cui punta a “fornire una scatola degli attrezzi di base per capire come e perché il mondo stia cambiando così tanto negli ultimi anni” e che persegue “l’obiettivo di aiutare il lettore a comprendere un presente che la rivoluzione digitale ha reso complesso e a tratti opaco per il grande pubblico”. Quintarelli non propone di dare visioni di futuro fatte e finite, scenari a scatola chiusa.
Dal canto suo, il celebre youtuber Canal (che vuole ancora fare l’attore e per questo si è diplomato all’Accademia Pepe di Udine ma che intanto è a Milano, responsabile all’ufficio didattica di Eataly Smeraldo), forte dei suoi 30 anni e delle oltre 160 mila persone che lo seguono su Facebook, avrà da farsi ascoltare, intercalando puntualmente le sue esternazioni con vari “so’ imusona’”, “festa granda”, “verysorz” e “puito”.

Press Office
Aldina Vincenzi
mail: ufficiostampa@festivaldeiluoghi.it
tel: 345 5099747

Lascia un commento